(troppo vecchio per rispondere)
stradella di accesso
usul muhad
2012-03-05 10:55:55 UTC
Sarei grato a chi fosse in grado di rispondere tecnicamente sul
seguente tema:
- un Condominio ha diritto di accesso pedonale/carrabile per una
stradella sterrata che appartiene a un soggetto terzo;
- il soggetto terzo non intende provvedere alla sistemazione della
stradella, la cui pendenza aggrava lo scavo e il dissesto da parte
delle acque piovane;
- il soggetto terzo non intende neanche contribuire al 50% alle spese
per il lavoro di sistemazione in via bonaria;
- il soggetto terzo consente che il Condominio faccia provveda in
proprio a sistemare la stradella senza alcuna garanzia di salvaguardia
circa la attribuzione e la conservazione dell'opera.

1. che succede in caso di danno a persone e/o cose dei Condomini
dovuto al dissesto della stradella?!
2. Si può obbligare legalmente il soggetto terzo a provvedere alla
sistemazione in sicurezza della stradella?!

Grazie anticipate.
Roberto Deboni DMIsr
2012-03-05 13:59:54 UTC
Sarei grato a chi fosse in grado di rispondere tecnicamente sul seguente
- un Condominio ha diritto di accesso pedonale/carrabile per una
stradella sterrata che appartiene a un soggetto terzo; - il soggetto
terzo non intende provvedere alla sistemazione della stradella, la cui
pendenza aggrava lo scavo e il dissesto da parte delle acque piovane;
Art. 1030 - Prestazioni accessorie
Il proprietario del fondo servente non e tenuto a compiere alcun
atto per rendere possibile l'esercizio della servitù da parte del titolare,
salvo che la legge o il Titolo disponga altrimenti (1069 e seguente,
1090 e seguente).

Il diritto di passaggio del Condominio nasce in forza ad una
servitu' di passaggio (volontaria o coattiva). Si tratta quindi
di un gravame (ed anche pesante) sul fondo dominante. Nel caso di
servitu' coattiva, diventa percio' evidente che il fondo dominante
non ha alcun diritto a pretendere dal fondo servente, gia'
pesantemente penalizzato dalla sua limitazione del diritto di
proprieta' (anche dal solo punto di vista morale, solo degli
scrocconi possono pretendere botte piena e moglie ubriaca),
qualsiasi opera o spesa per "facilitare" la servitu'.

Per la precisione, tutti i lavori necessari sono a carico di chi
ne' guadagna, vedi:

Art. 1069 Opere sul fondo servente
Comma 1 - Il proprietario del fondo dominante, nel fare le opere necessarie
per conservare la servitù, deve scegliere il tempo e il modo che siano
per recare minore incomodo al proprietario del fondo servente.
Comma 2 - Egli deve fare le opere a sue spese, salvo che sia diversamente
stabilito dal Titolo o dalla legge (1030).

Quindi, oltre a dovere fare le opere a proprie spese, il condominio
deve anche usare tempi e modi che creano il minore danno al proprietario.
Unica ovvia eccezione e' quando:

Comma 3 - Se però le opere giovano anche al fondo servente, le spese sono
sostenute in proporzione dei rispettivi vantaggi.

cioe' se la "stradina" e' di servizio anche al proprietario del
fondo dominante (ad esempio, caso tipico se l'abitazione del
fondo servente e' di fianco a quella del fondo dominante).

Se invece la servitu' e' volontaria, la disciplina e le condizioni
di esercizio della servitu' sono scritte nel contratto, nell'atto.
- il soggetto terzo non intende neanche contribuire al 50% alle spese
per il lavoro di sistemazione in via bonaria;
La ripartizione del 50% si applica solo se:
- il fondo servente utilizza anche la via di accesso
- l'utilizzo e' pari per i due proprietari

Nel caso di un condominio, ad esempio con 10 famiglie (quanto
e' grosso il vostro ?) ed un fondo servente monofamigliare,
e' evidente che il vantaggio del fondo servente che abbia
l'abitazione sulla stessa stradina, e' dieci volte minore
(ed anche la relativa usura).

Una altra ipotesi di uso difforme e' ad esempio il proprietario
di un fondo servente che utilizza il passaggio solo per
passare con trattori o cingolati, e che quindi non ha alcun
interesse, ne' necessita', ad una strada curata, spianata o
financo asfaltata, diversamente dagli utilizzatori di
autovetture di un condominio. In talcaso tutte le opere di
raffinamento per l'uso autoveicolare sono totalmente
a carico del condominio che approffitta della servitu'.
- il soggetto terzo
consente che il Condominio faccia provveda in proprio a sistemare la
stradella senza alcuna garanzia di salvaguardia circa la attribuzione e
la conservazione dell'opera.
Vedi art.1069, comma 2 ed art.1030 per la non dovuta garanzia.
1. che succede in caso di danno a persone e/o cose dei Condomini dovuto
al dissesto della stradella?!
Se la stradella e' di solo utilizzo dei condomini, la responsabilita'
e' dei condomini.
Se la stradella e' di uso misto, la responsabilita' e' in proporzione
ai vantaggi relativi.
2. Si può obbligare legalmente il soggetto terzo a provvedere alla
sistemazione in sicurezza della stradella?!
In base a quale logica ? Quella del "cornuto" e "mazziato" ?
Quella dello scroccone che ha diritto a tutto, e mai doveri ?
A quella dell'azzeccagarbugli che va a cercare leggi e leggine
per ottenere vantaggi al di fuori di ogni senso morale e spirito
legislativo ?

Ci sono tanti modi di rubare, ma hanno tutti in comune un fattore:
l'uscita di denaro dalle tasche di chi non trae alcun beneficio.
--
Roberto Deboni

[Messaggio Usenet via Tiscali su text.giganews.com. Se leggete via Web
il sottoscritto informa che non conosce o partecipa al sito/forum Web.]
Roberto Deboni DMIsr
2012-03-06 14:49:33 UTC
Post by usul muhad
Sarei grato a chi fosse in grado di rispondere tecnicamente sul
- un Condominio ha diritto di accesso pedonale/carrabile per una
stradella sterrata che appartiene a un soggetto terzo; - il soggetto
terzo non intende provvedere alla sistemazione della stradella, la cui
pendenza aggrava lo scavo e il dissesto da parte delle acque piovane;
...snip...
Quindi, oltre a dovere fare le opere a proprie spese, il condominio deve
anche usare tempi e modi che creano il minore danno al proprietario.
Comma 3 - Se però le opere giovano anche al fondo servente, le spese
sono sostenute in proporzione dei rispettivi vantaggi.
cioe' se la "stradina" e' di servizio anche al proprietario del fondo
dominante (ad esempio, caso tipico se l'abitazione del fondo servente e'
di fianco a quella del fondo dominante).
Se invece la servitu' e' volontaria, la disciplina e le condizioni di
esercizio della servitu' sono scritte nel contratto, nell'atto.
...snip...
Post by usul muhad
2. Si può obbligare legalmente il soggetto terzo a provvedere alla
sistemazione in sicurezza della stradella?!
In base a quale logica ? Quella del "cornuto" e "mazziato" ? Quella
dello scroccone che ha diritto a tutto, e mai doveri ? A quella
dell'azzeccagarbugli che va a cercare leggi e leggine per ottenere
vantaggi al di fuori di ogni senso morale e spirito legislativo ?
l'uscita di denaro dalle tasche di chi non trae alcun beneficio.
La perentorieta' delle domande, a fronte di informazioni scarne
che non facevano prevedere alcun diritto, mi hanno portato a
generalizzare con un commento riferito ai tanti che in ogni
condominio pretendono "diritti" a spese di altre persone che
dovrebbe "pagare" nonostante della spesa non godano del benche'
minimo vantaggio. Si puo' comprendere quando la legge considera
certi casi, servizi comuni, tipo l'ascensore o l'illuminazione
elettrica, ove puo' essere molto complicato distinguere il diverso
uso. Meno si comprende, quando ad esempio, i residenti di una
scala vogliono che anche quelli di un'altra scala contribuiscano
a lavori che riguardano solo loro (succede, succede ...).
Il criterio comune di queste scrocconerie, la cartina di
tornasole e' nella battuta:

"l'uscita di denaro dalle tasche di chi non trae alcun beneficio"

e si arriva ad affermare da alcuni la nozione (che non esiste
in alcun modo nella legge) che il condominio sarebbe un collettivo
ove vi e' obbligo di solidarieta'. Chiaramente e' stata operata
(volutamente o meno ... difficile dire) una confusione con la
"responsabilita' in solido verso terzi" che e' cosa del tutto
diversa di un generico principio di solidarieta'.

Scrivo questo perche' il sig.Usul mi ha mandato due furibonde
repliche, aggiungendo altre informazioni che in parte potrebbero
modificare la risposta.

In ogni caso trovo interessante una affermazione implicita,
che un "palazzinaro intrallazzone" non avrebbe diritti ... e
che altrimenti se la fa franca e' colpa di "leggi italiote",
"bordello di norme e cavilli che si contraddicono a vicenda",
e commenti vari riprovevoli verso avvocati e giudici.

Trovo l'argomento interessante. Per cominciare, lungi da me
l'ipotesi che il proprietario del fondo servente sia un
"poveretto", una "vittima" (nel senso di incapace di difendersi).

Ma anzi prendiamo pure questo "palazzinaro", uno "squalo",
un "mafioso", come peggio si voglia pensare. Per questo pero'
perde i suoi diritti ? Non credo. Se, per altri motivi, tipo,
la stradella serve:
- un fondo del "palazzinaro"
- X villette
- un fondo agricolo
- il condominio di N condomini

Queste informazioni DOVEVANO essere date subito.
In fatti non c'entra nulla lo stato di "fondo servente".
E se l'OP ha "sbagliato" la domanda, perche' aveva frainteso
i pareri di avvocati e consiglieri pensando che il merito
era riferito alla posizione di "servente" e non quello
di "utilizzatore" del proprietario della stradina,
il problema e' dell'OP, non certamente di chi scrive
(che non e' pagato per la consulenza gratuita che offre,
ma: chi scrocca per abitudine, non conosce gratitudine).

E' chiaro che come minimo, il "palazzinaro", le villette
ed il condominio debba partecipare alla spesa di miglioramento
della strada. Avrei dei dubbi per il fondo agricolo, a meno
che non ci sia anche l'abitazione dell'agricoltore e che
utilizzi la stradella con l'auto sua o di suoi ospiti.
In quanto alla ripartizione della spesa, non si fa certamente
un 50%, ma una ripartizione in base all'uso di ogni parte
(senza documentazione, non mi metto di sicuro a fare ipotesi
di "come").

Ma torniamo al "palazzinaro". Trattasi chiaramente di
impresario edile che ha costruito e venduto il condominio.
Per quale motivo denigrarlo ? Cosa le ha fatto di male ?
L'ha derubata ? L'ha imbrogliata ? In tal caso lo contesti
per queste cose. Ma non genericamente perche' non le
permette di ordinargli di fare cio' che vuole lei.
E poi "intrallazzone" ? Ma c'e' qualche impresario edile
che si salva da queste accuse ? Quale e' il problema
che molti hanno con gli impresari edili ?
--
Roberto Deboni

[Messaggio Usenet via Tiscali su text.giganews.com. Se leggete via Web
il sottoscritto informa che non conosce o partecipa al sito/forum Web.]
usul muhad
2012-03-06 17:21:15 UTC
Mi chiedo dove siano finite le mie risposte, che sono state 2 perché
sulla prima s'è disconnessa la linea senza che avessi riscontro! boh!
Va beh, comunque e dovunque siano finite, Lei le ha evidentemente
lette. Ho solo da obiettare che "furibondo" implica un'emozione
soggettiva mentre quel che ho scritto era del tutto tranquillo e
rispettoso della sua disponibilità; semplicemente chiedeva di
discutere la cosa tecnicamente, visto che le implicazioni morali non
possono essere chiare se uno non conosce il contesto, né si può
presumere in astratto che tutti gli edili siano pidocchi o disonesti
(in 40 anni ne ho conosciuto 1 onesto in quel di Perugia) o che quello
di cui si parla sia onesto e virtuoso solo perché è un impresario
edile, le pare?! Idem per avvocati, giudici e le altre categorie
citate. Ognuno sa quel che ha visto e può tirarne le sue statistiche.
In ogni caso, tenuto conto che non si sta parlando di una lite tra
condomini che mirano solo a fottere il prossimo, cosa estremamente
comune, pare, in questo Paese, ma di una questione di doveri di
manutenzione e di responsabilità civili rispetto a una strada che
serve un Condominio e altri soggetti, ribadisco che i Condomini sono
persone lineari che cercano semplicemente soluzioni.
In aggiunta a quanto prima, il fondo del proprietario non è ancora
edificato, non c'è casa sopra, né altro manufatto.
Ora, quel che Lei ha detto mi lascia solo un paio di dubbi, che ho già
esposto ma che non mi pare abbiano avuto risposta.
Apprezzerei molto se volesse confermare la sua cortesia rispondendo a
quelle mie ulteriori perplessità, vale a dire: supponiamo che alcuni
dei soggetti utenti della stradella, finalmente acquisito che i lavori
toccano a loro, si mettano d'accordo per rifarne il fondo, magari solo
per la parte che li riguarda direttamente, escludendo il proprietario,
che usa solo la rimanente parte, e supponiamo poi che il proprietario
della stradella, essendo tutta la stradella sua, per ragioni proprie
faccia attività che ne danneggiano la nuova pavimentazione; chi paga i
danni?!
Grazie anticipate, U.M.

PS. Ah, precisazioni: a) chi ha mai detto che il palazzinaro
intrallazzone non ha diritti?! li ha, li ha tutti, tranne quello di
danneggiare terzi con le sue azioni - come tutti - fottersene delle
regole, fare abusi edilizi a danno di altri, contravvenire al
regolamento di condominio che lui stesso ha registrato etc..., come
nel caso del personaggio in questione. Poi potremmo parlare del
fallimento della Ventasso Village, il cui intrallazzatore palazzinaro
s'è pappato i miliardi e poi è scappato in Portogallo lasciando la
roba alle Banche, oppure ..., ma lasciamo stare ché quello che succede
in Italia non è una novità, e lasciamo pure stare la durata infame
delle cause civili e il modo quantomeno curioso che i giudici hanno di
"compensare le spese" a danno delle parti offese "perché non si dà mai
la ragione al 100%". In fondo è la storiella che la ragazza se non
aveva la cintura di castità a 3 lucchetti con combinazione digitale
sicuramente era consenziente e comunque c'ha provato gusto, oppure non
posso sparare a chi cerca di farmi fuori con un coltello perché non mi
ha ancora ammazzato e perché in Italia spara solo la Polizia mentre e
per me è eccesso di difesa ... insomma la manna per lo Stato e per gli
avvocati, un po' meno per il cittadino (questo dovrebbe sistemare
anche il "riprovevole" affermazione per il sistema giudiziario in
genere); b) qui nessuno sta scroccando nulla né tantomeno imponendo a
nessuno di rispondere gratis alle domande poste per evere ulteriori
riscontri. La cosa può essere un gradevole esercizio reciproco e una
volta tanto di utilità collettiva, basta attenersi strettamente
all'argomento e lasciare le difese di parte al tempo che possono
trovare. Grazie ancora, U.M.
Roberto Deboni DMIsr
2012-03-07 14:22:27 UTC
On Tue, 06 Mar 2012 09:19:23 -0800, usul muhad wrote:

...snip...
rispondendo a quelle mie ulteriori perplessità, vale a dire: supponiamo
che alcuni dei soggetti utenti della stradella, finalmente acquisito che
i lavori toccano a loro, si mettano d'accordo per rifarne il fondo,
magari solo per la parte che li riguarda direttamente, escludendo il
proprietario, che usa solo la rimanente parte, e supponiamo poi che il
proprietario della stradella, essendo tutta la stradella sua, per
ragioni proprie faccia attività che ne danneggiano la nuova
pavimentazione; chi paga i danni?!
Chi rompe (al di fuori della normale usura) ... paga.
Fatte le foto panoramiche e di alcuni particolari
critici (tornanti ?) a fine lavori e dopo un'anno.
Se poi trovate la strada danneggiata, andate a cercare
il cingolato e fotografatelo e poi presentate richiesta
di ripristino.
PS. Ah, precisazioni: a) chi ha mai detto che il palazzinaro
intrallazzone non ha diritti?!
... "implicare", non "scritto" ...
li ha, li ha tutti, tranne quello di
danneggiare terzi con le sue azioni - come tutti - fottersene delle
regole, fare abusi edilizi a danno di altri,
Lei ha subito abusi edilizi ?
contravvenire al
regolamento di condominio che lui stesso ha registrato etc...,
Visto che questo e' il NG giusto, magari verifichiamo se e' ha
effettivamente contravvenuto: che ha fatto ?
come nel
caso del personaggio in questione. Poi potremmo parlare del fallimento
della Ventasso Village, il cui intrallazzatore palazzinaro s'è pappato i
miliardi e poi è scappato in Portogallo lasciando la roba alle Banche,
E' sicuro ?
Vede, quando ero decenni piu' giovane, sono rimasto coinvolto
in un fallimento edilizio. Ma al contrario del volgo credulone,
ho fatto mie ricerche (tanti documenti sono pubblici, basta
andare in tribunale, alla CCIAA, agli uffici competenti ...)
ed ho riscontrato che il fallimento e' stato in realta'
causato proprio dalla credulita' del "volgo", dalle "chiacchere",
abilmente sparse da alcune faccendieri ...
oppure ..., ma lasciamo stare ché quello che succede in Italia
... che spesso e' l'opposto di cio' che appare, di cio' che
e' riportato sui giornali.
--
Roberto Deboni

[Messaggio Usenet via Tiscali su text.giganews.com. Se leggete via Web
il sottoscritto informa che non conosce o partecipa al sito/forum Web.]
usul muhad
2012-03-08 18:22:25 UTC
Post by Roberto Deboni DMIsr
Chi rompe (al di fuori della normale usura) ... paga.
Fatte le foto panoramiche e di alcuni particolari
critici (tornanti ?) a fine lavori e dopo un'anno.
Se poi trovate la strada danneggiata, andate a cercare
il cingolato e fotografatelo e poi presentate richiesta
di ripristino.
Lei ha subito abusi edilizi ?
Il Condominio, non io in prima persona.
La denuncia l'ho fatta io e poi sono intervenuti i VVUU e mi risulta
che ci siano stati anche risvolti penali, ma non so come sia andata a
finire perché me ne sono andato via.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
contravvenire al
regolamento di condominio che lui stesso ha registrato etc...,
Visto che questo e' il NG giusto, magari verifichiamo se e' ha
effettivamente contravvenuto: che ha fatto ?
Che gliene pare di chiusura terrazzo con veranda, espressamente
proibito dal Regolamento e trasformare una soffitta che era esente da
spese condominiali in una mansarda abusiva e tuttora non sanata,
producendo automaticamente una modifica delle tabelle condominiali che
ha costretto a definire tabelle provvisorie che saranno definitive
perché pare che non ci sarà sanatoria?!
Altri due oggettini: rubare 1 metro su due linee di confine e in corso
di ristrutturazione fracassare una condotta idrica d'irrigazione in
cemento da 30 e poi sostituirla con tubo di plastica da 12. Fortuna
vuole che sia il proprietario della condotta sia quelli confinanti
siano persone tranquille - almeno finché non scoppierà qualche casino
- ma sul loro atteggiamento pesa molto la sfiducia nella Legge e nella
Magistratura, come del resto accade per i Condomini interessati al
parere tecnico.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
Poi potremmo parlare del fallimento
della Ventasso Village, il cui intrallazzatore palazzinaro s'è pappato i
miliardi e poi è scappato in Portogallo lasciando la roba alle Banche,
E' sicuro ?
Vede, quando ero decenni piu' giovane, sono rimasto coinvolto
in un fallimento edilizio. Ma al contrario del volgo credulone,
ho fatto mie ricerche (tanti documenti sono pubblici, basta
andare in tribunale, alla CCIAA, agli uffici competenti ...)
ed ho riscontrato che il fallimento e' stato in realta'
causato proprio dalla credulita' del "volgo", dalle "chiacchere",
abilmente sparse da alcune faccendieri ...
Le pare che io abbia tempo da perdere a contare cazzate?!
Esistono atti pubblici sul fallimento Ventasso, se ne è interessato il
Tribunale di R.E. e le Banche erano il San Paolo e la BNL, che insieme
con i fornitori hanno lasciato a secco 500 multiproprietari che
attendevano di rogitare e hanno perso tutti gli anticipi.
Ventasso è in località Ramiseto e il nome del furfante è Preliasco.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
oppure ..., ma lasciamo stare ché quello che succede in Italia
... che spesso e' l'opposto di cio' che appare, di cio' che
e' riportato sui giornali.
Buon per Lei che può pensarla pensa così, anche se in realtà non so
proprio quanto Le convenga ignorare i fatti; la mia esperienza, sia di
Legge Amministrativa sia di diritto civile, penale e del Lavoro (come
vede bado bene a non parlare mai di Giustizia) è ben diversa e non è
certo basata sui giornali.
Del resto, che ci si potrebbe attendere da un apparato pubblico che, a
parte una Presidenza della Repubblica che non serve a nulla e costa
come Buckingam Palace, conta 935 parlamentari - cosa grottesca - di
cui 800 in palese esubero, senatori a vita non si sa in nome di che
cosa, un Parlamento che esautora la sovranità popolare ridotta a
referendum inutili e petizioni altrettanto, una pletora di Partiti che
oltre a ciucciare finanziamenti pubblici sono solo gestione
clientelare, una Magistratura che anziché essere indipendente, in
buona sostanza deve applicare Leggi fatte da un Parlamento di
magnaccioni con tratti mafiosi, 20 Regioni di cui 5 a Statuto speciale
non si sa in base a quale criterio di economia/gestione, la Sicilia in
particolare come se fosse uno Stato a parte, 110 Province inquinate e
nullafacenti, Prefetture di facciata, Questure "con poteri
discrezionali" (!!), 8092 Comuni, moltissimi con meno di 100 abitanti
e ancor di più con meno di 50.000, ossia senza uno straccio di PIL
autonomo, altri enti parassitari vari, tra cui metto anche i giornali
perché non vedo la ragione per cui debbano essere finanziati con i
miei soldi sacrificando la indipendenza del giornalismo allo stomaco
della Redazione, al pari dei Sindacati e dei preti, Lobbies che più
che altro sono organizzazioni per lo stipendio sicuro, al contrario
dei giovani disoccupati e precari della Ricerca scientifica,
faccendieri che si autodefiniscono imprenditori ma senza quattrini
pubblici col cavolo che "imprendono", Aziende che ciucciano come i
Partiti, UPLMO corrotti, Ministeri magnaccioni, Ripartizioni
devastate, impiegati comunali peggiori degli Zombies, corruzione
dilagante a tutti i livelli ... una pletora pubblica che serve solo
uno scopo: rubare! soldi e potere!
Non so che faccia Lei, a parte consulenze condominiali, ma i miei
finora 37 anni nell'Information Technology ed altro mi hanno portato a
conoscere i veri gangli di questo povero Paese logorato e
semidistrutto da Istituzioni pompose e parassitarie, dalle P.A.L. alla
P.A.C. al Quirinale alle Assicurazioni (si informi sui retroscena
dello scandalo INA-ASSITALIA del 1992 mi pare, costato 144Mld£ e 600
posti di lavoro per favorire uno dei sunnominati faccendieri
(Ranellucci si chiamava) o anche sulla Joint-Venture Boeing_Aeritalia
da 750Mld£ spesi solo per far diventare Amm. Del. un certo F. Cereti,
vicino al Vaticano ...
Pure couna cavolata come il Censimento 2011 sono riusciti a fare un
gran casino oltreché a spendere inutilmente un fracasso di soldi.
Ma dico solo cose tanto evidenti quanto insanabili fintantoché la
gente non si deciderà o a prenderli a calci nel culo procedendo dalla
base verso l'alto oppure quantomeno a andare a votare in massa solo
per rifiutare la scheda e così delegittimare questo Sistema
clientelare mafioso e verbalizzarne la ragione.
Grazie per i pareri tecnici; ne farò tesoro e li condividerò con i
condomini coinvolti.
U.M.
Roberto Deboni DMIsr
2012-03-08 22:55:29 UTC
Post by usul muhad
Chi rompe (al di fuori della normale usura) ... paga. Fatte le foto
panoramiche e di alcuni particolari critici (tornanti ?) a fine lavori
e dopo un'anno. Se poi trovate la strada danneggiata, andate a cercare
il cingolato e fotografatelo e poi presentate richiesta di ripristino.
Lei ha subito abusi edilizi ?
Il Condominio, non io in prima persona.
???
Va bhe', lasciamo perdere.
Post by usul muhad
La denuncia l'ho fatta io e poi
sono intervenuti i VVUU e mi risulta che ci siano stati anche risvolti
penali, ma non so come sia andata a finire perché me ne sono andato via.
Post by usul muhad
contravvenire al
regolamento di condominio che lui stesso ha registrato etc...,
Visto che questo e' il NG giusto, magari verifichiamo se e' ha
effettivamente contravvenuto: che ha fatto ?
Che gliene pare di chiusura terrazzo con veranda, espressamente proibito
dal Regolamento
Mi sembra strano che il regolamento disciplini l'uso delle
parti private.
Post by usul muhad
e trasformare una soffitta che era esente da spese
condominiali in una mansarda abusiva e tuttora non sanata,
Non e' una violazione del regolamento condominiale.
Semplicemente, una volta che la mansarda e' completata
ed abitata, si rifanno le tabelle millesimali.
Post by usul muhad
producendo
automaticamente una modifica delle tabelle condominiali
E si lamenta ? Ha avuto i millesimi ridotti.
Post by usul muhad
che ha costretto
a definire tabelle provvisorie che saranno definitive perché pare che
non ci sarà sanatoria?!
Ma che cosa va scrivere ? Ma che ha consulenti che
si informano seguendo Forum ?
"costretto", "provvisorie" ? Come se fosse uno scandalo ?
Mi scusi, ma quando c'e' qualcosa di nuovo e' perfettamente
normale che ci siano approcci provvisori. Poi, si puo'
sempre calcolare le integrazioni, anche a posteriori.
Basta volerlo (ed avere la maggioranza in assemblea o
la sentenza di un giudice).
Post by usul muhad
Altri due oggettini: rubare 1 metro su due linee
di confine
Il "suo" confine ?
Post by usul muhad
e in corso di ristrutturazione fracassare una condotta idrica
d'irrigazione in cemento da 30 e poi sostituirla con tubo di plastica da
12.
Tutto fatto personalmente dall'impresario? Deve essere
un tipo piuttosto "robusto".
Mi scusi, ma lei pare non avere mai lavorato in settori
produttivi (edilizia, industria, agricoltura) e quindi
sempre pronto a criticare su quello che non sono altro
che ordinari imprevisti che possono capitare quando si
ha a che fare con cose della "natura" e non i pezzi
di carta dei burocrati.
Post by usul muhad
Fortuna vuole che sia il proprietario della condotta sia quelli
confinanti siano persone tranquille - almeno finché non scoppierà
qualche casino - ma sul loro atteggiamento pesa molto la sfiducia nella
Legge e nella Magistratura, come del resto accade per i Condomini
interessati al parere tecnico.
Il proprietario della condotta puo' semplicemente:
a) chiedere il ripristino entro 30 gg
b) scaduto il termine (che a leggere lei, pare intuire che
sicuramente l'impresario carogna e pirata se ne' sbattera')
provvede di persona
c) poi presenta il conto con pagamento entro 8 gg
d) se l'impresario carogna e pirata non paga, si cita
in tribunale ... questi sono i pochi casi semplici e la
"Legge" lo prevede chiaramente (quindi non capisco la
sfiducia). In quanto alla Magistratura, se la somma e'
di competenza del GdP (non riesco a pensare un danno
cosi' grosso da essere superiore, da come l'ha descritto),
il tutto si risolve entro 60-90 gg poi non resta che
sequestrare una ruspa o un'auto dell'impresario e mettere
all'asta.
Prima di parlare di cio' che non sa, almeno provi a fare,
poi di criticare.
Post by usul muhad
Post by usul muhad
Poi potremmo parlare del fallimento
della Ventasso Village, il cui intrallazzatore palazzinaro s'è pappato
i miliardi e poi è scappato in Portogallo lasciando la roba alle
Banche,
E' sicuro ?
Vede, quando ero decenni piu' giovane, sono rimasto coinvolto in un
fallimento edilizio. Ma al contrario del volgo credulone, ho fatto mie
ricerche (tanti documenti sono pubblici, basta andare in tribunale,
alla CCIAA, agli uffici competenti ...) ed ho riscontrato che il
fallimento e' stato in realta' causato proprio dalla credulita' del
"volgo", dalle "chiacchere", abilmente sparse da alcune faccendieri ...
Le pare che io abbia tempo da perdere a contare cazzate?!
Non ha capito. Non scritto che lei racconta ...
Le ho semplicemente suggerito di informarsi meglio, di non
prestare troppa fede alle chiacchere dei giornalisti e
del popolino. A meno che non sia lei la "gola profonda" ...
Post by usul muhad
Esistono atti
pubblici sul fallimento Ventasso,
Se c'e' un fallimento, certamente esistono atti pubblici.
Quello che invece non e' chiaro fino a verifica e' del come
e perche' ci sia stato.
Post by usul muhad
se ne è interessato il Tribunale di
R.E. e le Banche erano il San Paolo e la BNL, che insieme con i
fornitori hanno lasciato a secco 500 multiproprietari che attendevano di
rogitare e hanno perso tutti gli anticipi.
I fabbricati sono stati completati ?
I 500 (multi)proprietari hanno pagato totalmente ?
[perche' quel "multi" ? ha qualche significato peculiare ?]

Problemi del genere capitano molto piu' spesso di quello che
si puo' pensare, ed il 90% delle volte e' perche' i proprietari
acquirenti hanno smesso di pagare le rate perche' spaventati
con notizie sparse ad arte dalla stampa, volta proprio a
creare una situazione fallimentare. Non ha idea di quali grossi
affari certi squali di finanzieri e certe banche senza scrupoli
riescono a fare in queste situazioni.
E sa chi alla fine restano bruciati sul campo ?
L'impresa edile. Gli artigiani. Le imprese fornitrici.
I lavoratori, invece, essendo creditori privilegiati, alla fine
pigliano tutto, e si salvano anche i contributi (l'INPS si fa
pagare tra le prime).
Ma spesso anche i proprietari acquirenti se al cavano con
poco, grazie all'intervento della politica (pronta ad intervenire,
se non parte dell'organizzato fallimento, da parte di gruppi
interessati solo ad entrare nel prossimo Consiglio Comunale).

Ma siccome i veri danneggiati sono una "minoranza" rispetto
al popolino che se le' cavata con un po' di paura e stress,
non si da' piu' seguito a come poi le cose vanno a finire o
a capire come e' potuto veramente finire tutto in tribunale.

...snip...
Post by usul muhad
... che spesso e' l'opposto di cio' che appare, di cio' che e'
riportato sui giornali.
Buon per Lei che può pensarla pensa così,
La mia spiacevole esperienza e risultato in questo, come
nella irritazione del "popolino" quando cerco di spiegare
che hanno se la stanno prendendo con quello sbagliato.
L'unico risultato che alcuni si sarebbero convinti che
sarei intortato anch'io (della serie: se non sei con noi,
sei per forza contro di noi ... per gli stupidi e gli
ignoranti non esistono le posizioni neutrali od oggettive).
Post by usul muhad
anche se in realtà non so
proprio quanto Le convenga ignorare i fatti;
Mi faccio le idee proprio guardando i fatti. Ho anche
un certa dimestichezza con i numeri, quindi non ho bisogno
di affidarmi ai conteggi di giornalisti e periti del
tribunale che certe volte viene da domandarsi se almeno
hanno fatto le elementari.
Sono proprio i fatti che costringono le persone
intelligenti a ricredersi, ad invertire le proprie
posizioni, per quanto penoso possa essere.
--
Roberto Deboni

[Messaggio Usenet via Tiscali su text.giganews.com. Se leggete via Web
il sottoscritto informa che non conosce o partecipa al sito/forum Web.]
usul muhad
2012-03-09 08:33:30 UTC
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
Che gliene pare di chiusura terrazzo con veranda, espressamente proibito
dal Regolamento
Mi sembra strano che il regolamento disciplini l'uso delle
parti private.
Con quello che le sembra può farci la birra; le cose stanno così e
stop! e non mi piace chi vuole aver ragione a tutti i costi, non
ascolta o non vuole ascoltare, mi suona di presunzione e arroganza
(noti che ho detto "mi suona come", non "lei è"; la prego di
apprezzare la finesse).
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
e trasformare una soffitta che era esente da spese
condominiali in una mansarda abusiva e tuttora non sanata,
Non e' una violazione del regolamento condominiale.
Questo perché non sa come è strutturata la palazzina. La soffitta era
un sottotetto aperto e con terrazza coperta soggetta al divieto di
chiusura con vetrate, cosa che invece colui ha fatto senza consultare
l'assemblea.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Semplicemente, una volta che la mansarda e' completata
ed abitata, si rifanno le tabelle millesimali.
Semplicemente un corno. Per come vanno le cose ci vorranno 20 anni.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
producendo
automaticamente una modifica delle tabelle condominiali
E si lamenta ? Ha avuto i millesimi ridotti.
Come sopra. Rifare le tabelle è comunque un'attività; forse per lei
sarà normale chi agisce senza badare a chi rompe i coglioni ma in
generale la gente vorrebbe che le cose andassero diversamente.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
che ha costretto
a definire tabelle provvisorie che saranno definitive perché pare che
non ci sarà sanatoria?!
Ma che cosa va scrivere ? Ma che ha consulenti che
si informano seguendo Forum ?
"costretto", "provvisorie" ? Come se fosse uno scandalo ?
Mi scusi, ma quando c'e' qualcosa di nuovo e' perfettamente
normale che ci siano approcci provvisori. Poi, si puo'
sempre calcolare le integrazioni, anche a posteriori.
Basta volerlo (ed avere la maggioranza in assemblea o
la sentenza di un giudice).
Come sopra.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
Altri due oggettini: rubare 1 metro su due linee
di confine
Il "suo" confine ?
Adesso sono io che le dico: ma che minchia va dicendo?! mio confine,
suo confine; e che, se è il mio è lecita la critica se è quello di un
altro invece no?!
Mi ricorda certi giudici di pace che dicono che solo la parte lesa può
protestare; se il danno non è fatto a te, anche se stabilisce un
precedente a danno di tutti, che t'importa?! bel modo salomonico di
fare giustizia! poi uno si meraviglia di come vanno le cose in questo
Paese!
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
e in corso di ristrutturazione fracassare una condotta idrica
d'irrigazione in cemento da 30 e poi sostituirla con tubo di plastica da
12.
Tutto fatto personalmente dall'impresario? Deve essere
un tipo piuttosto "robusto".
Dica un po', ma ci è o ci fa?! mai sentito parlare di ruspe?!
Post by Roberto Deboni DMIsr
Mi scusi, ma lei pare non avere mai lavorato in settori
produttivi (edilizia, industria, agricoltura) e quindi
sempre pronto a criticare su quello che non sono altro
che ordinari imprevisti che possono capitare quando si
ha a che fare con cose della "natura" e non i pezzi
di carta dei burocrati.
Mbeh è ovvio che per chi ci sguazza nei casini le cose così sembrano
normali; un po' meno per chi dei casini subisce le conseguenze più o
meno gravi.
Non a caso si chiamano palazzinari anziché imprenditori edili o
costruttori.
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
Fortuna vuole che sia il proprietario della condotta sia quelli
confinanti siano persone tranquille - almeno finché non scoppierà
qualche casino - ma sul loro atteggiamento pesa molto la sfiducia nella
Legge e nella Magistratura, come del resto accade per i Condomini
interessati al parere tecnico.
a) chiedere il ripristino entro 30 gg
b) scaduto il termine (che a leggere lei, pare intuire che
sicuramente l'impresario carogna e pirata se ne' sbattera')
provvede di persona
c) poi presenta il conto con pagamento entro 8 gg
d) se l'impresario carogna e pirata non paga, si cita
in tribunale ... questi sono i pochi casi semplici e la
"Legge" lo prevede chiaramente (quindi non capisco la
sfiducia). In quanto alla Magistratura, se la somma e'
di competenza del GdP (non riesco a pensare un danno
cosi' grosso da essere superiore, da come l'ha descritto),
il tutto si risolve entro 60-90 gg poi non resta che
sequestrare una ruspa o un'auto dell'impresario e mettere
all'asta.
Prima di parlare di cio' che non sa, almeno provi a fare,
poi di criticare.
La sua è fantasmagoria caleidoscopica non realtà! il danno è stato
scoperto solo l'anno scorso a causa di una considerevole fuoriuscita
d'acqua prodotta dall'intasamento del tubo di plastica da 12 nel quale
lo sciagurato o chi per lui aveva "incastrato" ortogonalmente (!!) un
deflusso di acqua piovana da 80mm, ma i lavori risalgono almeno a 10
anni fa e lei dovrebbe sapere che certe condotte d'irrigazione possono
correre a 2mt di profondità, ossia nascoste agli occhi del volgo e
quindi dei compratori, i quali prima di comporare dovrebbero fare la
TAC a ciò che è loro offerto; peccato che non esistano TAC e ECO per
l'edilizia e che se esistessero sarebbero comunque fuori della portata
dei più, i quali dovrebbero essere protetti dalla Legge - a questo
punto mi viene da ridere a squarciagola perché ho fatto una battuta
trooooppo forte.
Certo che se lei è di quelli che sulle liti ci mangiano o che fa anche
lei il palazzinaro allora capisco che trovi soluzioni legali a tutto
no matter what, tanto poi ci rimette di meno chi ha più quattrini da
spendere.
Ma per favore!
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by usul muhad
Post by Roberto Deboni DMIsr
Poi potremmo parlare del fallimento
della Ventasso Village, il cui intrallazzatore palazzinaro s'è pappato
i miliardi e poi è scappato in Portogallo lasciando la roba alle
Banche,
E' sicuro ?
Le pare che io abbia tempo da perdere a contare cazzate?!
Esistono atti
pubblici sul fallimento Ventasso,
Se c'e' un fallimento, certamente esistono atti pubblici.
Ma va!?
Post by Roberto Deboni DMIsr
Quello che invece non e' chiaro fino a verifica e' del come
e perche' ci sia stato.
Non la mando a quel paese perché voglio essere educato.
Le ho già detto il come e il perché.
Se ne ha voglia verifichi di persona.
Il fallimento è il numero 3516 del 1994 o giù di lì.

U.M.

PS. Il mio archivio delle porcate italiote contiene 20 anni di
documenti per tutti i gusti. Non sono certo all'altezza dei potenti
mezzi di Stella e Rizzo ma qualcosa da dire l'ho anch'io!