Discussion:
accesso chiuso e servitù pozzo sottratta
(troppo vecchio per rispondere)
Marco F
2004-06-23 09:05:26 UTC
Ragazzi grazie infinite per i consigli.

Preciso alcune cose.

Sull'atto di compravendita del mio immobile c'è scritto:

"In particolare le parti danno atto che oltre agli impianti, spazi e
servizi
previsti dalla legge hanno natura condominiale:

- la fascia di terreno della larghezza di di metri 15 a partire dalla
mezzeria di Via XXXX , adibita ad accesso al fabbricato ed al retrostante
terreno;

-la scala interna del fabbricato che serve per l'accesso ai singoli
appartamenti;

- i due pozzi esistenti corrispondentemente asserviti."

Ora non appena questo tizio ha comprato il terreno ha messo una rete a metà
di di questa "fascia di terreno di 15 metri". (vedi disegno in fondo) Ha
fatto dei lavori sul pozzo chiudendo l'erogazione dell'acqua al condominio
e
rigirandola soltanto a suo favore. La pompa del pozzo è stata comprata dai
condomini precedentemente al suo arrivo, quindi non è di sua proprietà.

Preciso che da pochi anni abbiamo l'acqua corrente per cui l'acqua del
pozzo
non è indispensabile. Tuttavia la pompa non era sua e inoltre ha fatto dei
lavori senza votazione del condominio.

Già gli abbiamo chiesto verbalmente la restituzione della pompa e di
riportare tutto allo stato originario ma si
rifiuta.

Volendo andare oltre secondo me, leggendo il contratto neanche aveva il
diritto di interrompere il vialetto "di 15m di larghezzza" a metà perchè ha
natura condominiale

Secondo voi posso procedere per via legale? quali sono i passi mi
consigliate?
--------------------------------
| |
| O pozzo |
| |------------------
| | |
rete|----- -- | |
| <15m> <-- ingresso |
| | condominio |
---- |^| -------------------
| | Strada pubblica
|
"Marco F" ha scritto nel messaggio> Fino a 5 anni fà nel nostro
con|dominio
non avevamo l'allaccio all'acqua
corrente. Abbiamo sempre usufruito di un pozzo, situato nel terreno
adiacente, da cui estraevamo l'acqua con una pompa elettrica. Nel
contratto
di acquisto di ogni appartamento è prevista la servitù del pozzo.
Ora tale terreno è stato acquistato da una persona esterna che insieme a
tale terreno ha comprato anche 2 garages diventando così a tutti gli
effetti
un condomino ( a quanto pare, infatti partecipa a tutte le riunioni ed
ha
diritto di voto). Ora senza nessuna delibera dell'assemblea di
condominio,
di sua iniziativa, ha chiuso il passaggio verso il pozzo e conevrtito il
pozzo in modo che lui possa essere l'unico ad attingere l'acqua, tra
l'altro
utilizzando la nostra pompa (comprata da noi).
è regolare quello che ha fatto?
dovrebbe consentire il passaggio fino al pozzo?
possiamo obbligarlo a riportare tutto allo stato originario?
Lui sostiene che non ci spetta più la servitù perchè ormai abbiamo
l'allaccio all'acqua corrente.
Quanto meno si potrebbe denunciare per il furto della pompa?
Grazie per ogni eventuale suggerimento
felix.
2004-06-23 09:32:08 UTC
Post by Marco F
Ragazzi grazie infinite per i consigli.
Preciso alcune cose.
............................................................................
Post by Marco F
Secondo voi posso procedere per via legale? quali sono i passi mi
consigliate?
Devi anzi DOVETE procedere immediatamente chiamandolo in giudizio,
quello che hai riportato dagli atti di compravendita e' inequivoca-
bile,via la rete,distacco dei suoi tubi dalla vosta pompa ed uso
saltuario dell'acqua del pozzo,anche se non vi serve,restano la
servitu
di passaggio tubo e linea elettrica a vostro favore.
ciaofelix:-)
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it